Info

Da un intervento di Luciano Corso al Congresso nazionale Mathesis - Spoleto 2014

 

La rivista MatematicaMente

Le difficoltà di pubblicare una rivista che ospita articoli impegnativi tra ricerca e scuola

 

La storia

Nel gennaio 1998, su una mia idea, la sezione Mathesis di Verona fece nascere la rivista scientifica MatematicaMente.

Il fondatore e la redazione (il consiglio direttivo della sezione), si proposero allora di colmare la lacuna esistente tra i risultati della ricerca scientifica e il mondo della scuola, con particolare riguardo per le scuole medie superiori e l’Università. I promotori concordarono un programma che prevedeva di fare, in un primo momento, un esperimento di un anno per valutare la reale fattibilità del progetto, tenendo conto di tutte le critiche che sarebbero pervenute alla redazione durante questo periodo di prova, e poi, se la prova avesse dato esito positivo, di arrivare alla registrazione ufficiale della testata. Così accadde e, in data 15-03-1999, la testata venne autorizzata dal Tribunale di Verona (Autorizzazione n. 1360). Successivamente, essa venne registrata anche presso il CNR come rivista scientifica nazionale (codice ISSN: 2037-6367 a partire dal n. 16 e ISSN: 2037-6359, prima). Proprietario della testata è a tutt’oggi la sezione veronese della Mathesis. La rivista ha più di 16 anni.

 

Obiettivi

Fin dalla sua nascita, la rivista è stata caratterizzata da una costante qualità degli articoli pubblicati che non sono, propriamente, a carattere divulgativo. Gli articoli, infatti, dovevano e devono essere tutti impegnativi nelle argomentazioni e indicare ai docenti e ai cultori che sono interessati all’argomento, una strada per eventuali studi preliminare o approfondimenti di completamento del tema trattato dall’autore. Peraltro la rivista è rivolta a cultori della matematica con una buona base di preparazione. Ciascun autore, attraverso la rivista, propone ai lettori argomenti vari di matematica da lui approfonditi ed eventuali riferimenti bibligrafici per meglio comprendere il tema da lui esposto. La rivista, perciò, non si prefigge di colmare lacune di base nel campo delle matematiche e materie affini; il compito è un altro. I temi trattati devono aprire varchi nel mondo della ricerca e dare operativamente il percorso per rimanere agganciati ai suoi risultati più significativi che possono avere una ricaduta nel mondo della scuola. L’argomentazione è per questo stringata, essenziale ed esaustiva. Normalmente un articolo standard deve essere al massimo lungo un intero foglio (due pagine). L’autore dovrebbe esaurire la trattazione del tema in questo ambito, dando possibilità al lettore, attraverso i riferimenti bibliografici, di assestare la comprensione del lavoro.

 

Argomenti trattati

La rivista è rivolta, fin dalla sua nascita, a trattare temi della matematica pura o applicata ad ampio raggio (statistica, ricerca operativa, fisica, chimica, econometrica, biometrica, algoritmica, informatica ecc.)

Perciò, si possono trovare anche articoli di altre scienze, purché essi siano a orientamento quantitativo.

Sono ospitati anche temi inerenti alla Filosofia della Scienza e alla Storia della Matematica.

 

Difficoltà

Ogni articolo richiede un impegno notevole di revisione da parte dei referee, della redazione e del direttore della rivista. La maggiore difficoltà per la redazione è dovuta all’ampia gamma degli argomenti che vengono proposti alla rivista e al peculiare approfondimento che questi impongono.

Abbiamo la possibilità di contare su un consistente gruppo di revisori ma, per quanto grande e qualificato, esso non sempre è in grado di coprire ogni settore della matematica. Spesso le difficoltà cognitive sono tali da richiedere un adeguato scambio di indicazioni tra l’autore e la redazione. Sorge, a volte, la necessità di decidere se pubblicare oppure no l’articolo. Qui è importante far tesoro di ogni consiglio, tuttavia, alla fine deve predominare il principio che un ricerca-tore, nell’ambito della sua ricerca, abbia adeguate conoscenze e, se è noto, di solito ci si fida e l’articolo viene pubblicato comunque. È un rischio che il direttore di una rivista con un obiettivo del genere deve correre. L’alternativa è di rimanere vincolati dalla paura e perciò stesso orientati a far passare solo lavori con contenuti noti. Purtroppo, ciò espone a critiche ed errori, ma i revisori di questa nostra rivista sono consapevoli di ciò e accettano la possibilità di sbagliare per dare maggior spazio alla libertà di lavoro degli autori. Le proposte di pubblicazione che pervengono in redazione sono comunque vagliate da almeno 4 persone. Successivamente, se l’articolo presenta particolari difficoltà, vengono coinvolti altri revisori - docenti o ricercatori universitari - la cui identità non viene dichiarata per tutelarne la libertà di giudizio.

 

Distribuzione

Quando nacque, la rivista veniva distribuita su cartaceo per posta ordinaria. Ora, invece, la distribuzione è per posta elettronica. All’inizio, chi era interessato a riceverla doveva versare alla sezione 12000 lire, che poi sono state convertite in 7 euro, per contribuire al mantenimento dell’iniziativa.

Poi si decise di inviarla gratuitamente a tutti coloro che fossero stati interessati a riceverla. Il motivo di questo passaggio fu la necessità di dare risalto all’immane lavoro che il direttore e la redazione e tutti i collaboratori facevano per realizzare un prodotto così impegnativo e qualificato. Oggi la rivista è gratuita. Si chiede solo che chi desidera riceverla esprima chiaramente questa sua intenzione alla redazione, presso la quale esiste un archivio nazionale di coloro che hanno espresso tale desiderio.

MatematicaMente viene mandato a tutte le sezioni Mathesis e a più di 500 indirizzi. I Dipartimenti di Matematica che la ricevono, più o meno in via diretta, sono 23. Viene coperto, così, tutto il territorio italiano da Trieste a Palermo, da Torino a Lecce.

MATHESIS

Società Italiana di Scienze Matematiche e Fisiche - Sezione di Verona

In evidenza

Sono disponibili i materiali prodotti dal prof. Bos nei

seminari in lingua inglese

organizzati presso l’ITIS Marconi di Verona »

 

Sono disponibili i materiali utilizzati dal prof. M. Caliari e dal prof. S. Baldo nel seminario sulla dinamica di popolazioni »

 

In attesa degli atti della Sesta Giornata Nazionale dell’Analisi Non Standard, che si è svolta a Lucca sabato 1/10/2016, qui sono disponibili i materiali presentati durante l’edizione dello scorso anno a Verona »

 

Sono disponibili i materiali presentati al Convegno nazionale Mathesis (Verona - 10 aprile) sul tema: La matematica che devono sapere gli studenti a conclusione dei loro studi secondari »

 

Breve raccolta di libri a carattere divulgativo sulla matematica pubblicati nel 2016 »

 

 

 

 

Copyright 2014 - Mathesis Società di Scienze Matematiche e Fisiche (sezione di Verona)

 

Wikipedia